www.industria-online.com
Faiveley

Sostituzione dei gruppi di produzione di aria dei TGV-PSE

Nell'ambito di un programma di rinnovamento dei convogli TGV PSE, la SNCF ha scelto FAIVELEY TRANSPORT per la fornitura del gruppo di produzione e di trattamento dell'aria compressa di nuova generazione "A DUE FASI". In effetti, si tratta di molto più di un semplice programma di rinnovamento: la SNCF intende estendere la durata di vita dei suoi convogli TGV PSE. Per aumentare il livello di comfort dei passeggeri (alimentazione delle poltroncine, riduzione del rumore, azionamento delle porte), migliorare l'affidabilità e ridurre i costi di utilizzo, il programma prevede l'incremento della potenza pneumatica disponibile sul treno. Per questo, si tratta di un progetto estremamente rappresentativo dell'offerta FAIVELEY TRANSPORT: un approccio sistematico ed esperto, l'introduzione di nuove tecnologie e la realizzazione di un controllo elettronico per semplificare le operazioni di manutenzione. Avvalendosi delle tecnologie di FAIVELEY TRANSPORT, gli operatori ferroviari sono quindi in grado di ottimizzare i costi, le funzionalità offerte a bordo nonché la disponibilità dei sistemi.

Sostituzione dei gruppi di produzione di aria dei TGV-PSE
Il gruppo di produzione di aria è soggetto a condizioni d'uso difficili, soprattutto data la possibilità di avviamento a temperature bassissime o di utilizzo per 23 ore al giorno, 365 giorni all'anno. Il rispetto dell'ambiente, ragion d'essere e principale preoccupazione del settore ferroviario, indirizza le scelte tecniche verso soluzioni non inquinanti.

FAILEVEY TRANSPORT si colloca quindi completamente dalla parte della tecnologia "senza olio", proponendo una soluzione omologata per il settore ferroviario. Questa tecnica infatti, oltre ad essere più interessante dal punto di vista ecologico (eliminazione del rischio di depositi d'olio sui binari), è più economica. I costi di manutenzione sono ridotti del 70% e il consumo energetico del 20%. I cicli di manutenzione sono limitati alla sostituzione dei filtri dell'aria una volta all'anno e a una revisione generale ogni 8 anni. Per quanto riguarda il consumo energetico, si ottiene una diminuzione del 20% in ragione dell'assenza di attrito viscoso e grazie al fatto che non è più necessario alimentare un sistema di ricircolo del lubrificante.
Il compressore a pistoni "senza olio" di FAIVELEY TRANSPORT utilizza una soluzione originale, semplice e brevettata composta da segmenti speciali in grado di garantire la tenuta tra il pistone e la camera di compressione con un sistema di cuscinetti autolubrificanti.
Per rendere il compressore ancora più affidabile, FAIVELEY TRANSPORT ne ha ottimizzato la gestione. L'avviamento della centrale di generazione di aria, infatti, viene effettuato in modo morbido grazie al convertitore, in modo da limitare gli effetti di affaticamento sugli elementi di trasmissione e sui motori. Durante il normale funzionamento, solo uno dei due compressori viene alimentato.

Infine, il compressore senza olio di FAIVELEY TRANSPORT si avvale della migliore esperienza in termini di conversione di energia. Infatti, per alimentare l'unità di generazione di aria compressa è stata scelta la soluzione KATIUMTM. Questa tipologia brevettata e messa in commercio da FAIVELEY TRANSPORT nel 2002 rappresenta attualmente la soluzione migliore del settore in termini di compattezza e di efficacia: riduzione di un fattore 3 in volume e peso rispetto a una soluzione tradizionale dalle stesse prestazioni per una potenza sviluppata di 32 kVA.
Il sistema nel suo complesso offre un MTBF (Mean Time Between Failure, tempo medio tra due avarie) di 30.000 ore, che significa circa 16 anni di utilizzo nelle condizioni del TGV PSE. Le dimensioni del rivestimento disponibile sono pari a 1.450 mm di larghezza, 1.650 mm di lunghezza e 1.500 di altezza. Per poter effettuare le operazioni di manutenzione, è necessario rispettare uno spazio di 500 mm sul lato.
FAIVELEY TRANSPORT ha fornito un sistema completo con due motori, due compressori (portata di 1.800 l/min), il trattamento dell'aria e le interfacce necessarie. Il sistema è dotato inoltre di un compressore ausiliario e di un motore per il pantografo. Un software di rilevamento di guasti consente di identificare con estrema facilità l'origine delle eventuali avarie e di eseguire una manutenzione ottimizzata. Il contratto riporta 155 gruppi di produzione di aria (2 per ciascun convoglio) con un'opzione per 70 gruppi supplementari. I primi convogli di prova saranno pronti a giugno 2009 per un inserimento progressivo fino al 2012.

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP