www.industria-online.com
MEDIAWORLD

COVID-19. E ORA, CHE FACCIAMO?

Editoriale di Stefano CAZZANI

COVID-19. E ORA, CHE FACCIAMO?

Invisibili.
Sono invisibili ad occhio nudo. Ma i microbi sono presenti ovunque ci sia vita.
Sono così piccoli, così variegati, così numerosi che - in definitiva - viviamo nel loro mondo. Siamo in costante evoluzione in una popolazione quasi infinita di famiglie, ognuna più grande dell’altra, di microrganismi, batteri e virus. Una più invisibile dell’altra.

La stragrande maggioranza di queste famiglie di microbi sono innocue e/o essenziali per il corretto funzionamento di macroorganismi come piante, animali (domestici e non domestici) ed esseri umani. Ma a volte, un ceppo pericoloso, improvvisamente in inferiorità numerica, è in grado di provocare danni tanto importanti quanto inaspettati. Il COVID-19 ha avuto e avrà conseguenze senza precedenti nella storia dell’economia e dell’industria.

Ripensare la protezione delle persone sulle linee di produzione!
Alcuni di noi saranno stati personalmente colpiti. Tutti saranno stati colpiti nella loro vita quotidiana. Fin dall’inizio della crisi sanitaria, le fabbriche hanno dovuto organizzare le misure di protezione dei dipendenti. Di conseguenza, ci sono stati tagli alla produzione e anche chiusure temporanee dei siti produttivi. Poi, le difficoltà di approvvigionamento, i rinvii degli ordini e persino le cancellazioni hanno portato a cambiamenti spesso profondi nell’organizzazione di officine e fabbriche. Modifiche necessarie. Indispensabili. Ma per quanto tempo?

Fermare la diffusione incontrollabile del virus!
Molte città/regioni/paesi/paesi/continenti sono state bloccate per un periodo di tempo variabile. A volte bisogna ricominciare tutto da capo. Ma i governi stanno cercando di limitare la distruzione dell’economia. Sono più o meno creativi, a seconda del paese. Per la stragrande maggioranza delle piccole e medie imprese, l’ideale sarebbe quello di poter rafforzare il loro bilancio (il loro capitale proprio), mentre le soluzioni messe in atto dai governi agiscono innanzitutto sulla sezione inferiore del bilancio (aumentando il loro debito tramite prestiti - a tassi di interesse zero o quasi zero). È una misura che offre un importante sollievo nell’immediato. Problema: bisogna essere in grado di creare valore per poter ripagare i prestiti concessi!

Allo stesso tempo, molti paesi (almeno in Europa) stanno riducendo le tasse e finanziando il lavoro a orario ridotto o la cassa integrazione. Ciò offre notevoli vantaggi: le aziende non perdono le competenze e i dipendenti non rimangono senza risorse. Un enorme sollievo nell’immediato futuro. Una soluzione virtuosa a breve termine... Problema: produce debito per gli Stati!

Detto questo, allo stesso tempo, l’opinione pubblica – in particolare quella più giovane - chiede profondi cambiamenti nel modo in cui funziona il mondo.

Fermare la crisi economica?
Per gli imprenditori la situazione è complessa. Non rendiamo il quadro troppo cupo - i programmi televisivi in prima serata e i social network se ne stanno già occupando. Ma insomma, per andare oltre, i leader aziendali devono e dovranno adeguare le loro strategie. Cercare di rivitalizzare diversamente i mercati ancora sottosviluppati dopo la crisi. Con molta reattività (sapendo sperimentare e rivalutare la strategia), flessibilità e agilità.

Nel frattempo, nell’immediato futuro, dobbiamo vivere (sopravvivere?) e continuare con quello che sappiamo fare e produrre oggi.

Quindi, nell’emergenza, cosa possiamo fare?
Alla fine del XIX secolo, Louis Pasteur dimostrò ai chirurghi e alle ostetriche che lavarsi le mani e far bollire gli utensili abbastanza a lungo tra un’operazione e l’altra impediva chiaramente la diffusione di malattie che fino ad allora non erano state comprese. Cominciavamo a capire come i microbi maligni diffondessero i loro danni. Oggi non sappiamo ancora molto sul COVID-19, ma sappiamo come limitare e persino impedire la sua diffusione. Gel idroalcolico... maschere... guanti... visiere trasparenti... installazione di partizioni in plexiglass... disinfezione di attrezzi, postazioni di lavoro, porte, luoghi di passaggio... distanziamento fisico... orari di arrivo e di partenza scaglionati nei grandi siti industriali... ecc.

Le industrie sanno adattarsi. Non appena si entra nei siti di produzione, si nota come sono state adottate nuove abitudini, e altre ancora lo saranno in futuro.. Molte procedure operative sono state e sono attualmente in fase di revisione e di adattamento. Procedure, protocolli e metodi di lavoro sono cambiati e continueranno a cambiare. In tutti gli uffici, officine e fabbriche, nuovi compiti, nuove funzioni, nuove posizioni sono state o dovranno essere ridefinite.

Inoltre, il fenomeno della delocalizzazione è stato accelerato da questa pandemia, che non risparmia alcun paese. Le nuove idee abbondano nelle piattaforme di produzione industriale. Le macchine e le officine di produzione devono essere trasferite, ricostruite e riequipaggiate. Quindi, unità di controllo, reti di campo, sensori, attuatori, robot, macchine, sistemi di produzione energeticamente efficienti (vedi il nostro dossier a pagina 6), sistemi di controllo on-line, stanno trovando e troveranno il loro nuovo ruolo nei nostri stabilimenti. Che saranno diversi.

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP